Reumatologia
Cardiologia.net
OncologiaMedica.net

Terapia cognitivo-comportamentale per il disturbo d’ansia generalizzato nei pazienti anziani in medicina generale


La terapia cognitivo-comportamentale ( CBT ) può essere efficace per il disturbo d’ansia generalizzato nelle fasi tardive della vita, ma sono stati condotti solo studi pilota nell’ambito della medicina generale.

Un gruppo di Ricercatori del Baylor College of Medicine a Houston negli Stati Uniti, ha condotto uno studio clinico randomizzato per esaminare gli effetti della terapia cognitivo-comportamentale, rispetto alla cura tradizionale maggiorata, negli anziani con disturbo d’ansia generalizzato.

Tra marzo 2004 e agosto 2006 sono stati reclutati 134 adulti ( età media 66,9 anni ) in 2 Centri per cure primarie.
Il trattamento è stato fornito per 3 mesi.

Un totale di 70 pazienti sono stati sottoposti a terapia cognitivo-comportamentale.
Il trattamento includeva fasi di educazione e sensibilizzazione, interviste motivazionali, training di rilassamento, terapia cognitiva, training di abilità nel risolvere i problemi e gestione del sonno comportamentale.

I pazienti assegnati a ricevere la cura tradizionale maggiorata ( n=64 ) sono stati contattati telefonicamente con frequenza bisettimanale per assicurarsi delle condizioni del paziente e per fornire un supporto minimo.

Le principali misure di esito hanno incluso la gravità dello stato fobico ( Penn State Worry Questionnaire ) e del disturbo d’ansia generalizzato ( GAD Severity Scale ).
Gli esiti secondari comprendevano la valutazione dell’ansia ( Hamilton Anxiety Rating Scale, Beck Anxiety Inventory ), la coesistenza di sintomi depressivi ( Beck Depression Inventory II ) e la qualità di vita legata alla salute fisica e mentale ( 12-Item Short Form Health Survey ).

La terapia cognitivo comportamentale rispetto alla cura tradizionale maggiorata ha significativamente migliorato la gravità dello stato fobico ( 45.6 vs 54.4, rispettivamente; P < 0.001 ), i sintomi depressivi ( 10.2 vs 12.8, P = 0.02 ) e la salute mentale generale ( 49.6 vs 45.3, P = 0.008 ).

Non sono state osservate differenze nella gravità del disturbo d’ansia generalizzato tra i pazienti sottoposti a terapia cognitivo-comportamentale rispetto a coloro che hanno ricevuto la cura tradizionale maggiorata ( 8.6 vs 9.9, P = 0.19 ).

All’analisi intention-to-treat, i tassi di risposta definiti in base alla gravità dello stato fobico sono risultati più alti con la terapia cognitivo-comportamentale che con la cura tradizionale maggiorata a 3 mesi ( 40.0 % vs 21.9%; P=0.02 ).

In conclusione, rispetto alla terapia tradizionale maggiorata, la terapia cognitivo comportamentale produce maggiori miglioramenti nella gravità dello stato fobico, nei sintomi depressivi e nella salute mentale generale nei pazienti adulti con disturbo d’ansia generalizzato nel contesto delle cure primarie.
Tuttavia, una misura della gravità del disturbo d’ansia generalizzato non ha mostrato un maggiore miglioramento con la terapia cognitivo-comportamentale. ( Xagena2009 )

Stanley MA et al, JAMA 2009; 301:1460-1467


Psyche2009


Indietro